el6ato y el7opo

Il Blog Peggio Frequentato della Rete

N95 vs iPHONE (“Non mi importa delle altre caratteristiche, purché vibri.”…)

Marco Gasperetti e marcellopera per “CorrierEconomia” del “Corriere della Sera”

È arrivato per primo. Anzi, per meglio dire soltanto pochi mesi prima, che però nell’universo hi-tech sono anni e possono essere decisivi nella battaglia alla conquista del mercato consumer. Di lui, i guru multimediali dicono già che sarà il principale sfidante dell’iPhone di Apple, il «magico» telefonino appena sbarcato negli Stati Uniti e in arrivo a fine anno anche in Italia. Sempre gli esperti, dicono pure che questo sarà uno sfidante diverso, con una filosofia opposta all’innovativo aggeggio della Mela, tuttavia avversario solido e insidioso. (Nokia N95) Si chiama N95 ed è il supertelefonino della finlandese Nokia, la regina mondiale dei cellulari con 900 milioni di «cornette senza filo» vendute nel mondo.

È un dispositivo che, dietro dimensioni tascabili (meno di 10 centimetri di altezza per 5 di larghezza e 2 di spessore), racchiude tutto ciò che con un telefonino si potrebbe fare, oltre a telefonare, naturalmente. L’N95 è un camaleonte capace di trasformarsi in un lettore Mp3, in una radio Fm, in un lettore video, in un navigatore satellitare. E ancora, può diventare una fotocamera ad alta risoluzione (5 megapixel, il top di gamma), oppure un sistema per collegarsi continuamente a qualunque rete. Perché, oltre che con il sistema Umts (ormai quasi uno standard, nei telefonini di nuova generazione) SuperNokia funziona con Hsdpa: che è il nuovo sistema per collegamenti con la rete telefonica a banda larga. Se poi, nei dintorni, c’è un segnale Wi-Fi, che consente ai computer di collegarsi a Internet senza cavi e ad altissima velocità, si può decidere anche di navigare, e magari di telefonare via Rete. Insomma, questo N95 è un «all-in-one» («tutto in uno») completo che più completo non si può, un ufficio mobile, uno straordinario condensato di tecnologia, una pacchia per i forzati della tecnologia. E dunque è il più indicato avversario di iPhone. Soprattutto perché, a differenza dei cloni del gioiello Apple che, proprio in questi giorni, stanno spuntando come funghi, il Nokia è qualcosa di diverso. È altro, ha una filosofia opposta, è l’antitesi. Se l’iPhone ha il display multi-touch, ovvero sensibile al duplice tocco (con due dita che corrono sullo schermo si può scorrere un testo o ingrandire un’immagine), il Nokia è rigorosamente a tastiera, con comandi, a volte un po’ scomodi, che si impartiscono senza esagerate trovate tecniche e allo stesso tempo con disarmante semplicità. È più tradizionalista, dunque, ma allo stesso tempo più completo, perché il rivale non avrà neppure l’Umts, satellite e diavolerie varie e l’N95, invece, ha la sublime completezza della multimedialità. (Nokia N95) Come tutti i sistemi complessi , però, anche l’N95 ha i suoi difetti. Il più noioso è l’autonomia, assai scarsa, della batteria. L’insostenibile pesantezza delle varie applicazioni e dei vari sistemi di connessione, infatti, stressano le piccole batterie, che durante la giornata devono essere quasi sempre ricaricate: salvo non si decida di eliminare, temporaneamente, qualche opzione. La dotazione dei programmi da ufficio per usare il cellulare come un telefonino è buona, ma non esaltante. Il piccolo elaboratore di testi compatibile con Microsoft Word, per esempio, è scarno e non ha il correttore ortografico (che ha, invece, la versione per Windows Mobile), utile quando tastiera e display sono tascabili; e lo schermo, seppure di eccellenti luminosità e contrasto, è un po’ piccolo. Lo stesso vale per la tastiera a scorrimento che, a volte, trae in inganno e fa premere i tasti sbagliati. Detto questo, N95 è un telefonino eccellente, il migliore nella sua categoria: con delle trovate tecnologiche all’’avanguardia e pure «risparmiose». Una, per esempio, è la gratuità delle mappe per la navigazione satellitare, che si possono scaricare direttamente dal sito o automaticamente con il telefonino. La fotocamera, finalmente con l’obiettivo protetto da una chiusura antipolvere e antigraffio, è un bijou, con lenti firmate da Carl Zeiss. Lo schermo ha una slitta che si muove a destra e sinistra scoprendo la tastiera o i comandi aggiuntivi, simili a quelli di un videoregistratore (c’è anche la funzione videocamera e la qualità è buona). E l’uscita della cuffia è finalmente standard. Il prezzo è un po’ alto, ma sembra destinato a scendere. Per combattere meglio con l’iPhone di Steve Jobs.

THANX DAGOSPIA

luglio 2, 2007 - Posted by | Advertising, All'alba del ventunesimo secolo, iphone, Pubblicità

2 commenti »

  1. e sapeste come vibra il gilette fusion power…
    http://www.gillettefusion.it/pays/it/?source=

    Commento di buzo | luglio 3, 2007 | Rispondi


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: