el6ato y el7opo

Il Blog Peggio Frequentato della Rete

IMPARIAMO A COMBATTERE CON EL-QAEDA

tortura-metodi02_exc.jpg


Cavare gli occhi, tagliare gli arti, frustare, bucare le mani con un trapano, trascinare una persona legata al bagagliaio della macchina, bruciare la pelle con la fiamma ossidrica, appendere il malcapitato al soffitto, il ferro da stiro rovente sul corpo.

Roba da Tarantino e tarantolati pulp-horror. Invece queste sono solo alcune delle tecniche di tortura dei fondamentalisti islamici legati ad Al Qaida (ma somigliano molto anche a quelle della polizia segreta di Saddam), descritte con maniacale dettaglio in alcuni disegni che le forze americane in Iraq hanno sequestrato durante alcuni pattugliamenti e arresti di terroristi.

Le immagini, declassificate dal Pentagono e pubblicate dal sito “Smoking Gun”, sono “impreziosite” da foto di rudimentali arnesi utilizzati per torturare ostaggi (cacciavite, martelli, pinze, fiamme ossidriche, ganci da macelleria, ecc…) e riprese delle condizioni fisiche di alcuni iracheni rapiti e salvati dai marines prima che fosse troppo tardi.

Nelle foto sono visibilissime le frustate, i lividi e le bruciature. E la stanza dove le torture avevano luogo. È lì che il 24 aprile i soldati hanno trovato un uomo in catene che pendeva dal soffitto, rapito mentre si trovava al lavoro e, a quanto pare, picchiato con catene, cavi e tubi…

thanx Dagospia

maggio 25, 2007 - Posted by | IMPARIAMO A COMBATTERE CON EL6ATO, Le Prove che Dio non Esiste

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: